L’idea era quella di partire prestissimo ed andare nel parco dello Yellowstone.
Ed effettivamente partiamo presto.
Tuttavia, il destino ci è contro…e il parco è chiuso per la neve.

Cosi decidiamo di andare a vedere un altro posto qui in zona, ma prima, per farlo, dobbiamo cmq attraversare una piccola catena montuosa.
Passare da quasi 1500 metri a niente nel giro di qualche ora.
Veder cambiare il panorama in maniera importante: prima pianura, poi alberi di montagna, poi neve, tanta neve, tantissima neve, poi ancora pianura.
Il tutto nel giro di pochissimo.
Viaggiare con la macchina in mezzo a questi panorami è senz’altro mozzafiato…iniziamo a capire cosa vuol dire la parola “immenso”.

Arriviamo al supermercato verso le 2 di pomeriggio, giusto dopo aver fatto la nostra diretta su instagram.
Da un lato è bello far vedere dove siamo, dall’altro, anche se siamo proprio ai primi giorni di viaggio, sapere che da casa siete li con noi, ci fa un immenso piacere.
Il piano è quello di prendere qualcosa da mangiare, tipo panini, affettati o qualsiasi cosa si possa mangiare, e partire alla volta del Devil’s canyon.
Che solo per il nome merita di essere visto.
..ed effettivamente, è una cosa abbastanza monumentale.
Talmente grande da non essere gestibile, quando sei sul bordo, davanti ad uno strapiombo da lasciare senza fiato, non riesci a dire quanti metri possono essere, o quanto sia largo.
è semplicemente immenso.
Restiamo gran parte del pomeriggio qui.
Senza macchine fotografiche, telefoni, niente.
In silenzio, seduti sul bordo, a guardare questa grande meraviglia.

Ripartiamo quando è quasi tramontato il sole, abbiamo ancora 3 ore di macchina prima di arrivare nel nostro paesino sperduto ancora nel nulla.

La macchina numero 1, che oggi è “Napoli 1”, fa il suo lavoro di trascinare tutta la carovana a destinazione…e non è affatto facile.
Fare “I capi” è una cosa stressante, come lo è seguire i loro ordini.
Mettere d’accordo 53 persone, fare in modo che si spingano ben oltre la fatica della giornata, che si muovano tutti nella stessa direzione non è una cosa affatto facile.

Ma aiutati dalle radio, dal panorama e dalla compagnia in macchina, maciniamo miglia come se niente fosse…e soprattutto…impariamo a conoscerci meglio tutti.

e questa è la vera meraviglia di questo viaggio.

DCIM/100MEDIA/DJI_0022.JPG
DCIM/100MEDIA/DJI_0022.JPG
DCIM/100MEDIA/DJI_0018.JPG
DCIM/100MEDIA/DJI_0018.JPG

BackTour