Arriviamo a Dubai dopo “appena” 6 ore di volo.
Partiamo con il sole, arriviamo la notte.
Il volo non ha grandi cose da raccontare, se non che gli arabi russano, che i cinesi ruttano tantissimo, che gli italiani urlano sempre per parlare, che le hostess di “Emirates” sono tutte alte belle e vestite benissimo anche dopo mille ore di volo, ma che gli Stuart non sono alla stessa altezza.

All’arrivo all’aeroporto di Dubai incontriamo l’altra parte del team, ed è una buona occasione per darci gli orologi della pattuglia, ognuno ha il suo, e dietro, c’è impressa la posizione in volo.